Agenzia per Amica riparte da un nuovo Direttore Prodotto, Giulio Scognamiglio, classe 1963, già responsabile commerciale centro sud Eden viaggi e successivamente direttore prodotto e direttore commerciale di gruppo oro vacanze e amministratore e presidente di Viola Vacanze.

“In un momento nel quale sono cambiati i modelli di business e gli stili di vita e con l’epidemia in corso prevediamo una rivoluzione dei comportamenti e delle scelte consapevoli, i servizi e i bisogni vanno analizzati ancor prima di decidere quale è il prodotto da proporre – spiega Scognamiglio – Io sono chiamato a selezionare, verificare e organizzare il prodotto acquisito (villaggi, hotel, servizi annessi nella loro interezza) e renderli fruibili al mercato nel modo più semplice possibile”.

Il nuovo Direttore Prodotto si occuperà della profilazione del mercato con analisi dei bisogni di ciascun cliente e della realizzazione di un prodotto/servizio da erogare. “Associare il prodotto al cliente è, oggi più che mai, essenziale”, conferma Scognamiglio. “Con il progressivo calo della pandemia immaginiamo una ripresa graduale del turismo, a cominciare da quello di prossimità, con una sorta di regionalizzazione dei flussi: ci si muoverà verso mete vicine, con orizzonti più limitati. Troveremo, attraverso gli strumenti del nostro network, formule che garantiscano la massima attenzione al turista, come il nostro nuovo programma Go Serenity, un programma di tutela e assistenza al turista composto da specifici accordi con i tour operator e con le assicurazioni in aggiunta a nostre procedure di assistenza. Ci si rivolgerà a un target nazionale, prescindendo inizialmente dal mercato estero. Le strutture continueranno a ragionare su formule di prenotazione che preservino l’utente dalle penali in caso di cancellazione. In generale, cambierà il concetto di viaggio: stiamo pagando un prezzo elevato alla pandemia, ma ripartiremo con una differente scala di valori”.

“I nostri sforzi di programmazione – spiega l’amministratore delegato di Agenzia per Amica, Achille Lauro – intercettano la voglia crescente della popolazione di voltare pagina, una volta finita l’emergenza per il coronavirus. Già oggi osserviamo, attraverso i nostri social, un fortissimo desiderio dell’utenza di immaginare il prossimo viaggio, in attesa di poterlo programmare”.