Era stato uno dei sogni del vecchio patron Antonio Mangia, ed oggi, a poco meno di un anno e mezza dalla sua scomparsa, l’ex Villaggio Valtur di Favignana entra finalmente nel portfolio di Aeroviaggi. Alla struttura ricettiva delle Egadi l’operatore siciliano aveva fatto la corte per anni senza riuscire però a subentrare, sia dopo il fallimento Patti che quello Bonomi. Oggi il complesso fa parte dei beni confiscati dall’antimafia e nei giorni scorsi, come riporta oggi Il Sole 24 Ore, Marcello Mangia, presidente di Aeroviaggi e figlio di Antonio, ha realizzato quello che era stato il sogno di suo padre. Ha sottoscritto infatti con l’amministrazione giudiziaria, un contratto di affitto della struttura per sei anni, rinnovabili per altri sei. Dopo i lavori di manutenzione, è stato annunciato che il villaggio riaprirà il 28 maggio.
“È un segnale di speranza per l’isola – ha dichiarato al quotidiano economico il sindaco di Favignana, Francesco Forgione – ma anche un segnale di coraggio da parte del gruppo Aeroviaggi. È un investimento su un bene che rappresenta il recupero alla legalità di un bene sequestrato e poi confiscato in una terra complicata come la provincia di Trapani”.