Anche Brindisi rientra tra gli scali aeroportuali italiani per i quali è stato previsto lo stop temporaneo al traffico passeggeri. Fino al 25 marzo, quindi, stop a tutti i voli civili e all’operatività dell’Aeroporto del Salento. La decisione è stata presa dal Ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli che ha firmato un decreto accogliendo l’appello dell’ENAC, delle società di gestione aeroportuale italiane.

A seguito dell’emergenza COVID-19 la gran parte delle compagnie aeree ha cancellato i voli, determinando un drastico calo dei passeggeri. “La chiusura – spiega AdP – è una misura provvisoria, ma necessaria, per tutelare non solo la salute dei passeggeri, ma anche e soprattutto quella degli operatori aeroportuali che sono i più esposti al rischio contagio. Un particolare ringraziamento va anche alla task force regionale sul Coronavirus e a tutti gli operatori della sanità che quotidianamente sono in prima linea per cercare di arginare l’epidemia”.

Aeroporti di Puglia tiene a sottolineare che “questo stop temporaneo di Brindisi, e una riduzione dell’operatività pari allo zero nello scalo di Bari che resterà aperto nel rispetto del decreto del MIT, non deve farci sentire vittime, ma nasce dalla necessità di tutelare la salute di passeggeri e operatori aeroportuali e di salvaguardare i posti di lavoro. Non sarà perso un posto di lavoro”.