“Date le circostanze straordinarie legate alla pandemia COVID-19, le restrizioni di viaggio imposte dalla Grecia, dall’UE e da altri Stati, nonché le misure recentemente adattate per la limitazione degli spostamenti non necessari in Grecia, Aegean è obbligata a procedere con la sospensione temporanea dei voli internazionali, a partire dal 26 marzo”, così la compagnia aerea in una nota.

In particolare, a partire da giovedì 26 marzo e fino al 30 aprile, tutti i voli del network internazionale, in partenza da tutte le basi Aegean, saranno temporaneamente sospesi. Saranno operativi solo un piccolo numero di voli settimanali, da Atene a Bruxelles, per mantenere il collegamento del Paese con il centro amministrativo dell’Unione Europea.

All’inizio di questa settimana, a seguito della direttiva della Civil Aviation Authority (NOTAM), tutti i voli da e per il Regno Unito sono stati sospesi (gli ultimi voli da e per Londra hanno avuto luogo il 23 marzo).

Aegean, su richiesta delle autorità greche, continuerà a operare voli di rimpatrio o altri voli di emergenza, qualora si presenti la necessità. Si segnala, inoltre, che Aegean ha già effettuato 8 voli di rimpatrio da Marocco, Spagna, Repubblica Ceca, Polonia, Serbia e Georgia per conto dello Stato greco e 1 volo da Londra a Larnaca per conto della Repubblica di Cipro.

Aegean informa che, per il momento, saranno mantenuti attivi voli a frequenza limitata su tutta la rete nazionale, per mantenere il minimo collegamento indispensabile per rispondere alle esigenze delle isole.