Abu Dhabi, crescita a doppia cifra per gli hotel nei primi mesi del 2019

302

Gli ultimi dati rilasciati dal Dipartimento Cultura e Turism di Abu Dhabi rivelano che i ricavi totali del settore alberghiero per il primo trimestre del 2019 sono aumentati del 16%, rispetto allo stesso periodo del 2018.

Eventi come l’AFC Asian Cup, la fiera IDEX, gli Special Olympics e il Retail Abu Dhabi (RAD) shopping festival, insieme alle rinomate attrazioni tra cui il Warner Bros. World Abu Dhabi, il sito culturale Al Hosn e il Qasr Al Watan, hanno constribuito a un aumento significativo all’appeal come destinazione turistica nei primi tre mesi dell’anno.

In totale 1.291.482 visitatori internazionali sono stati ospiti dei 169 hotel e apart-hotel di Abu Dhabi, un aumento discreto di circa 6.600 ospiti rispetto allo stesso periodo nel 2018. I dati registrano anche un aumento del 2,1% della lunghezza media del soggiorno degli ospiti.

In riferimento agli hotel guests, è stato registrato un notevole aumento dei visitatori dagli USA, con un’impennata del 13,8%. Un incremento anche per la durata dei soggiorni da parte dei visitatori del Regno Unito, India e Arabia Saudita.  L’Italia registra 15.408 ospiti con una media soggiorno di 3,89 notti.

La regione di Al Ain ha registrato dei numeri impressionanti per quanto riguarda gli hotel guest nel primo trimestre, con 132.751 ospiti che comportano un aumento del 19,8% rispetto all’anno scorso. Tutte e tre le regioni dell’Emirato hanno registrato un aumento nel tasso di occupazione, +0,5% ad Abu Dhabi, +11,5% ad Al Ain e +1,1% ad Al Dhafra.

L’appeal dell’Emirato è cresciuto grazie alle recenti aperture, tra cui l’Edition Abu Dhabi Hotel, che è il primo hotel del brand Edition nella regione del Medio Oriente e Nord Africa, il Jumeirah Saadiyat, Saadiyat Rotana e il Jumeirah Al Wathba, aperti di recente.

Saif Saeed Ghobash, Sottosegretario DCT Abu Dhabi, ha commentato: “Questi numeri confermano un buon inizio per il 2019 e che il nostro impegno insieme alla pianificazione strategica stanno avendo successo. I dati registrati nel Q1 sono stati senza dubbio sostenuti dalla varietà della destinazione. Continueremo a focalizzarci sui nostri mercati più importanti anche nel secondo trimestre di quest’anno, promuovendo più eventi di richiamo mondiale. La Fiera Internazionale del Libro ha visto un aumento dei visitatori del 18%, richiamando esperti, autori e fan dei libri da tutto il mondo. Siamo sicuri che questo ottimo inizio ci aiuterà a costruire anche buoni risultati per il periodo estivo”.