ciao
Home Associazioni Benevento: accordo per 1300 studenti tra Conservatorio e sezione turismo Confindustria

La Sezione turismo di Confindustria Benevento e il Conservatorio Nicola Sala hanno siglato una Convenzione per attività di travel partner per garantire servizi turistici di qualità agli studenti.

“Questo accordo, unico nel suo genere, rappresenta una importante occasione di sviluppo del Turismo”, spiega Filippo Liverini, presidente di Confindustria Benevento. “La sezione Turismo e tempo libero sta mettendo in campo molteplici attività volte a trasformare il turismo mordi e fuggi in turismo più stabile. Sono convinto che possiamo offrire  ai nostri visitatori un’offerta vasta. Dai musei, ai teatri, dalla storia alla cultura e poter così estendere anche a tutta la provincia i flussi turistici intercettati dal capoluogo. La convenzione arricchisce questo ventaglio di opportunità”.

Sulla stessa linea Luca Mazzone, presidente della sezione Turismo e Tempo libero: “La filiera delle aziende turistiche iscritte a Confindustria Benevento sta crescendo. Abbiamo 30 aziende iscritte in grado di offrire servizi qualificati ai visitatori della città. Sono molteplici le tipologie di turismo da poter promuovere e non possiamo dunque tralasciare l’opportunità legata agli studenti iscritti al Conservatorio Nicola Sala e all’offerta artistica e musicale che il Conservatorio è in grado di esprimere, grazie al proprio calendario di eventi. Con questo spirito stiamo mettendo in campo molte iniziative tra le quali la convenzione siglata oggi grazie alla quale la Sezione Turismo e Tempo Libero di Confindustria Benevento diventa travel partner del Conservatorio per i prossimi tre anni. Questo accordo rappresenta una prima iniziativa alla quale ne seguiranno altre che coinvolgeranno anche altre istituzioni”.

“Sono 1.279 gli iscritti, italiani e stranieri, al Conservatorio Statale di Musica Nicola Sala di Benevento”, conclude Giuseppe Ilario, direttore del Conservatorio. “Tra gli iscritti ci sono 44 studenti Cinesi, 1 cubano, 3 rumeni, 4 ucraini, 1 studente Ungherese, 2 studenti venezuelani. Si tratta di numeri che sono quasi raddoppiati in tre anni. Abbiamo una offerta ed una tradizione musicale unica che sta riuscendo a richiamare molti studenti con conseguenze positive per l’intero territorio e per l’indotto economico. Siamo certi che stiamo andando nella direzione giusta e siamo orgogliosi di aver sottoscritto una convenzione con un partner qualificato come Confindustria che sarà in grado di garantire servizi turistici di qualità ai nostri studenti”.

Articoli simili

Lascia un commento